Tremonti ambientale (legge 388 del 2000)

tremonti ambientale[Hai investito su fotovoltaico, eolico, idroelettrico, cogenerazione, rimozione eternit e altri progetti a favore dell’ambiente?]

Con la legge Tremonti Ambientale potevi portare il costo in detrazione e nessuno te l’ha detto… ma ho una buona notizia per te:

POTRESTI ESSERE ANCORA IN TEMPO!

L’art.6, commi 13-19, della legge 388 del 2000 (Tremonti ambientale) permette, alle imprese che hanno realizzato investimenti ambientali entro il 25/06/2012, di portare in detrazione una parte, in alcuni casi sostanziale, del costo sostenuto.

Questa quota deve OBBLIGATORIAMENTE essere calcolata da professionista qualificato (risoluzione agenzia delle entrate 11 luglio 2002 n. 226/E) e si riferisce al costo supplementare (sovraccosto) sostenuto per l’intervento rispetto ad una soluzione più inquinante.

Vediamo di seguito criteri e modalità:

BENEFICIARI

La legge 388 del 2000 (Tremonti ambientale) agevole le piccole e medie imprese (PMI) collocate nel territorio Italiano che hanno effettuato investimenti ambientali entro il 25/06/2012.

COSTI AMMISSIBILI

Sono agevolabili tutti gli investimenti ambientali che hai sostenuto fino al 25/06/2012. Per investimenti ambientali intendo le spese sostenute per prevenire, ridurre o riparare danni all’ambiente. Possiamo, quindi, considerare ammissibili le seguenti spese:

  • Impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili (fotovoltaico, eolico, cogenerazione…)
  • Impianti di depurazione, filtraggio e trattamento delle emissioni
  • Interventi sul ciclo produttivo per sostituire o eliminare sostanze inquinanti o pericolose
  • Insonorizzazioni e vasche di contenimento
  • Significativi contenimenti energetici del ciclo produttivo
  • Rimozione eternit

BENEFICIO ECONOMICO

La quota di reddito destinata ad investimenti ambientali non concorre a formare il reddito imponibile. Il beneficio è quindi il risparmio IRES del sovraccosto calcolato (27,5%), o il risparmio IRPEF se il beneficiario è una società di persone o una ditta individuale.

L’agevolazione, inoltre, è cumulabile con gli incentivi alla produzione, nei limiti previsti dalle normative di riferimento. Per il fotovoltaico, per esempio, l’agevolazione massima (IRES) sarà il 20% del totale dell’investimento.

PROCEDURA

L’agevolazione prevista dalla Tremonti ambientale consiste, quindi, nella possibilità di recuperare le imposte indebitamente pagate e nella possibilità di non pagare imposte nei prossimi anni. Puoi ottenerla attraverso tre procedure:

  • Ripresentazione delle dichiarazioni dei redditi dall’anno di entrata in esercizio dell’impianto ad oggi (circ. agenzia delle entrate n° 31 del 24/09/213);
  • Presentazione di istanza di rimborso ai sensi dell’(art. 38 d.p.r. 602/1973)
  • Presentazione di integrativa a favore (art. 2 comma 8 – bis del d.p.r. 322/1998)

Siamo a tua disposizione per calcolare il corretto sovraccosto ambientale, e del tuo fiscalista per studiare la migliore forma per il recupero delle imposte pagate.

Ma cominciamo a capire a quanto ammonta il tuo benerficio fiscale con una stima gratuita!

Se hai fatto un impianto di produzione energia (fotovoltaico, eolico, cogenerazione…) sevono i seguenti dati:

  • Potenza impianto
  • Costo complessivo impianto
  • Tariffa incentivante (€/KWh percepito dal GSE)
  • Mese e anno di installazione

Se hai fatto un intervento di rimozione eternit servono i seguenti dati:

  • Superficie trattata
  • Costo
  • Tipologia di copertura (Lamiera coibentata? Se sì, di che spessore?)
  • Anno intervento
  • Eventuali contributi ricevuti

Scrivimi i dati nel form qui sotto indicando il tipo di intervento (fotovoltaico, eolico, rimozione eternit, cogenerazione…).

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo messaggio

Ho letto e accetto la Privacy Policy*

A presto, Stefano.

Opt In Image
Scarica la tua Guida alla Riqualificazione Energetica
Scopri quello che le aziende preferiscono non dirti!

All'interno di questa guida troverai informazioni fondamentali su:

  • Cosa fare PRIMA di una riqualificazione
  • Come evitare gli ERRORI più comuni e rischiosi
  • Come valutare le giuste SOLUZIONI senza improvvisare
Ho letto e accetto la Privacy Policy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *