Come liberarsi dal gas e ridurre al minimo i costi energetici

Fotovoltaico e pompa di calore

Nel precedente articolo sui vantaggi di una casa senza gas, abbiamo visto che possiamo eliminare l’allacciamento del gas e utilizzare l’energia elettrica per scaldarci, lavarci e cucinare, con un importante risparmio economico sui consumi. Abbiamo anche visto qual è la soluzione più interessante, cioè la pompa di calore, soprattutto se integrata da un impianto fotovoltaico.

Prima di continuare voglio spiegarti in breve come funziona una pompa di calore, in modo da non lasciare dei pezzi per strada.

Funzionamento pompa di calore

La pompa di calore è un sistema in grado di prelevare energia termica dall’ambiente esterno e trasferirla al circuito idraulico del riscaldamento (termosifoni, serpentina a pavimento…) senza nessun tipo di combustione. Il principio è presente anche in altri sistemi (motore del frigorifero, climatizzatore domestico o dell’auto…) e può, quindi, essere invertito. Per la produzione di acqua calda sanitaria, viene installato un serbatoio d’accumulo, solitamente da 200 a 500 litri in base alle necessità, in cui viene fatta passare l’acqua prima di arrivare ai sanitari.

La pompa di calore è alimentata ad energia elettrica, ma il suo consumo è limitato SOLO al trasferimento dell’energia termica e NON alla generazione del calore come per le stufe elettriche. È proprio per questo motivo che i consumi sono così bassi. Se immaginavi la PDC come una macchina che “scalda qualcosa con l’energia elettrica” RESETTA TUTTO!!!

Bene, ora vediamo nello specifico le diverse tipologie di PDC:

  • POMPE DI CALORE ARIA ARIA – Queste macchine trasferiscono il calore (o il fresco) dall’ARIA esterna all’ARIA interna. L’esempio classico è quello del climatizzatore domestico.
  • POMPA DI CALORE ARIA ACQUA – Questo sistema, invece, trasferisce l’energia termica dall’ARIA esterna all’ACQUA del circuito di riscaldamento e/o acqua sanitaria. Quando si parla di pompe di calore per il riscaldamento si parla, generalmente, di questa versione. Se si utilizza un pavimento/soffitto radiante o dei termoconvettori (a me non piacciono per niente, sono rumorosi e fanno circolare la polvere per tutta la casa) è possibile invertire il sistema e creare freddo d’estate.
  • POMPA DI CALORE GEOTERMICA (acqua acqua o terra acqua) – In questo caso, l’energia termica viene presa dall’ACQUA di falda o direttamente dal TERRENO. Al posto del motore esterno che siamo abituati a vedere nei sistemi di climatizzazione tradizionale, qui l’unità esterna consiste in una sonda che viene inserita nel terreno ad una profondità stabilita in base a diversi fattori (può arrivare a superare i 120 metri di profondità)

La pompa di calore in numeri:

La pompa di calore ha un COP (rendimento) medio di circa 3,2 ovvero con 1 kWh elettrico forniscono 3,2 kWh termici. In realtà il COP di una pompa di calore può variare in base alle condizioni di funzionamento. Per esempio, se la temperatura esterna è intorno ai -10 e la pdc deve scaldare acqua a 60 gradi (termosifoni) il COP probabilmente scenderà al di sotto dei 2, quindi 1 kWh di energia elettrica genera meno di 2 kWh termici.
Se invece abbiamo 10 gradi esterni e la PDC deve alimentare un pavimento radiante a 40° il COP può superare tranquillamente i 4, ovvero 1 kWh elettrico fornisce più di 4 kWh termici.

Questo evidenzia come la pompa di calore abbia la sua massima convenienza in caso di sistema radiante a bassa temperatura (pavimento, parete o soffitto).

Diciamo che una pompa di calore ti farebbe spendere mediamente il 30% rispetto ad una caldaia a metano e fino al 60% rispetto a gasolio e gpl. Se consideriamo, invece, un sistema composto da pompa di calore e fotovoltaico, i risparmi arrivano tranquillamente al 90%.

Vuoi conoscere la giusta soluzione per il tuo caso specifico?CONTATTAMI!

5 thoughts on “Come eliminare il gas dalla tua casa

  • alberto begala

    on

    Vi ho già scritto in precedenza, Rettifico; Ho 2 piani di circa 112.115 mq calpestabili,2 stufe a legna (di proprietà) 2 caldaie a metano da 24 kcal (16 anni di vita). La casa è isolata con terreno circostante. Sto per fare un pozzo per irrigazione orto e prato. Vorrei eliminare il metano almeno per il riscaldamento. Ho un impianto fotovoltaico. La corrente prodotta nell’anno è già ora tutta consumata ed è abbondante in estate e scarsa in inverno, Penso che sarebbe scarsa anche con mini inverter e ottimizzatori. Ma la pdc geotermica non ha un COP invernale molto più alto? OK per la DAIKIN hi temp ma la svedese IVT pare avere ottime performances. A me serve acqua molto calda per i termosifoni, ovviamente in inverno, anche in assenza di legna per le stufe. Non so se la mia lettera stia nello spazio dedicato, Sono cliente della Riello. che fornisce assistenza perfetta, Grazie per l’ attenzione

  • mauro

    on

    Senza fotovoltaico la pompa di calore elettrica puo essere conveniente rispetto al metano e al pellet?
    cordiali saluti mauro

    • Stefano Previtero

      on

      Ciao Mauro, rispetto al metano sì, rispetto al pellet è abbastanza in linea. Va chiaramente valutato il costo in relazione ai risparmi, ogni situazione è da analizzare singolarmente.

  • Antonio

    on

    Salve, ho un impianto fotovoltaico da 1,75Kw e una caldaia a gas coadiuvata da un pannello solare termico. Premesso che sono 100mq di pavimento radiante. Cosa mi conviene fare per efficientare il sistema? Pompa di calore e fotovoltaico con accumulo?

    • Stefano Previtero

      on

      Ciao Antonio, mi verrebbe da rispondere sì! Chiaramente va dimensionato tutto in maniera corretta. Dove si trova l’immobile?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.