Come risparmiare sui contratti di luce e gas?

risparmiare su luce e gas

In questo articolo farò alcune considerazioni sulle offerte presenti sul mercato, in merito alle forniture di luce e gas.

No, non ti consiglierò un gestore piuttosto che un altro, ma punto a farti riflettere su alcuni aspetti.

Sicuramente sono tempi duri questi, dove si ha quasi paura ad aprire una bolletta della luce o del gas per timore di un salasso improvviso o di un conguaglio inatteso.

Ma c’è la possibilità di evitare il mal di pancia ogni due mesi?

Per capire ciò dobbiamo fare un passo indietro.

Da quando il mercato dell’energia è stato liberalizzato sono nate due possibilità di scelta:

  • Mercato tutelato, o di maggior tutela;
  • Mercato libero.

Quali differenze?

Nel mercato tutelato il prezzo viene deciso dall’AEEG ed aggiornato ogni 3 mesi circa, quindi può salire e può scendere.

Nel mercato libero, invece, il prezzo viene deciso dal Fornitore e generalmente è a prezzo fisso per uno o due anni.

Va specificato che indipendentemente dalla scelta del Fornitore, il proprio Distributore (la società che gestisce le reti) rimane invariato e questo ci può far ragionevolmente affermare che qualsiasi sia la mia scelta in tema di Fornitore non incorrerò in disservizi tipici del mercato della telefonia di una decennio fa.

Ad esempio, nella maggior parte dei comuni il gestore dell’energia elettrica è Enel Servizio Elettrico, e questo è verificabile dalla voce presente in alto a destra della tua bolletta.

Bene, sulla sinistra della stessa troverai un numero verde con la dicitura “Enel Distribuzione”.

Se, tuttavia, sei passato al mercato libero, ad esempio ad Enel Energia, troverai in alto a destra la dicitura “Enel Energia – Mercato libero dell’energia”, ma sulla sinistra troverai comunque il numero verde di Enel Distribuzione.

Come ti dicevo prima questa è una sicurezza in più per l’utente finale, che non dovrà temere ripercussioni sulla propria fornitura.

Specificato questo, il ragionamento che va fatto è se restare nel mercato di maggior tutela o passare nel mercato libero.

Come ho scritto prima, nel mercato tutelato sai che il prezzo è soggetto all’andamento del mercato stesso e, quindi, può salire come può scendere, mentre nel mercato libero il prezzo è fissato per un determinato periodo.

Certo, il pensiero tipico è “si ma quando mai è sceso il prezzo!”, ed è comprensibile, ma è certo che il prezzo abbia un saliscendi anche se non ce ne accorgiamo e sai perché? Perché ci rimane più impresso un cambiamento peggiorativo che uno migliorativo, e questo ci induce a pensare che il prezzo aumenti sempre.

Quindi conviene passare al mercato libero?

Dipende. A tal proposito ti consiglio un sito superpartes per confrontare tutte le offerte in base al momento ed alla zona (secondo la città possono cambiare le accise): SosTariffe.it

A dirla tutta non vi è una grossa differenza di prezzo tra un mercato ed un altro, e questo perché una parte considerevole della nostra bolletta (circa il 70%, fatto di accise, tasse varie, costi di gestione reti, trasporto…) è pressoché costante e, quindi, pregiudica del tutto o quasi qualsiasi tentativo di miglioramento tariffario.

Certo, il mercato è pieno di offerte ed agevolazioni ma le uniche proposte meritevoli di attenzione sono le offerte sottoscrivibili on-line, a differenza delle offerte fatte attraverso agenti od intermediari vari.

Le offerte on-line, spesso, impegnano il cliente nella autogestione, obbligandolo al RID, all’autolettura e questo fa si che l’azienda possa vantare meno costi commerciali, garantendo perciò un prezzo più vantaggioso.

Conviene, in definitiva, prendersi un’oretta ogni tanto, osservare il prezzo della propria bolletta alla voce “Quota energia” e confrontarlo con quello presente nelle varie offerte sottoscrivibili on-line.

Considerando che potrò incidere solo sul 30% della bolletta, per le motivazioni espresse prima, è evidente che quello che potrò ottenere in termini di risparmio sarà un margine modesto.

Quindi è giusto valutare le diverse offerte, ma non impazzire nella scelta tra un gestore ed un altro, non ne vale la pena, a mio avviso. 🙂

E tu cosa ne pensi?

Dimmi la tua commentando questo articolo!

A presto,

Stefano.

Opt In Image
Scarica la tua Guida alla Riqualificazione Energetica
In questa guida troverai informazioni fondamentali su:
  • Cosa fare PRIMA di una riqualificazione
  • Come evitare gli ERRORI più comuni e rischiosi
  • Come valutare le giuste SOLUZIONI senza improvvisare
Ho letto e accetto la Privacy Policy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.